Vai direttamente ai contenuti della pagina
icona facebook social icona instagram Museo Mallè

Bellezza & Dirupi. Il Giano bifronte della scultura | Opere di Emanuele Greco, Raffaele Mondazzi, Andrea Rinaudo

 Inaugurazione : venerdì 2 agosto 2019 ore 18.00 presso il Museo Luigi Mallé di Dronero con una provocazione storica di Secondo Garnero: Rinascimento anche in Valle Maira?

 


Tra terra e cieloLa mostra Bellezza & Dirupi. Il Giano bifronte della scultura. Opere di Emanuele Greco, Raffaele Mondazzi e Andrea Rinaudo, in programma dal 2 agosto al 13 ottobre al Museo Luigi Mallé, pone al centro dell’attenzione il rapporto multiforme e fecondo che gli scultori intrattengono con la materia, nel tempo antico come in quello attuale, e si propone di esplorare per la prima volta da questa prospettiva due versanti del processo creativo.

Il progetto promosso e prodotto da Espaci Occitan e ideato da Ivana Mulatero, curatrice del Museo Luigi Mallé, nasce nell’ambito del programma pluriennale di studio e valorizzazione dei Fratelli Zabreri, maestri scalpellini del XV secolo, condotto dal Comune di San Damiano Macra, dalla Pro Loco di San Damiano Macra e curato dall’architetto Dino Oggero.
L’esposizione aggiunge un nuovo tassello al programma di approfondimento intrapreso negli anni. Il titolo stesso trae ispirazione da una specifica morfologia della Valle Maira. Nel Vallone di Pagliero, da dove provenivano i fratelli Zabreri, c’è un monte con due colli contrapposti persino nel nome. Belgard e Birrone sono le due facce di un Giano montano mitologico, con un versante dove il ben guardare (Belgard, il belvedere) si apre sui declivi erbosi e adatti al pascolo, e poi c’è un’altra costa detta Birrone (burrone) un dirupo certamente inospitale. Suggestioni che aprono a un mondo di riferimenti più vasti che, scendendo a valle come i massi erratici, si radunano per l’occasione nelle sale del Museo Mallé per una puntuale riflessione sulla scultura e sulle materie da cui trae origine. L’esposizione, da una parte intende ribadire il forte senso identitario del Museo con la Valle Maira, luogo di origine di esperte maestranze capaci di lavorare la pietra ai più alti livelli, ma anche rimandare a una duplice visione della scultura contemporanea, da sempre intimamente connessa ai problemi della materia nel tentativo di volta in volta di trovare sensibilità e memorie capaci di rinnovare i linguaggi espressivi. Un larvato figurativo di stampo quasi archeologico (Emanuele Greco), una inesausta narrazione del mito (Raffaele Mondazzi), e una scoperta di infinita astrazione nella organicità della materia (Andrea Rinaudo) in contrappunto storico con una sezione dedicata alle opere degli Zabreri. Una mostra unica per la qualità delle opere esposte e per le personalità coinvolte, ognuna riproposta in museo con una piccola stanza monografica, nella quale è stato possibile mettere a fuoco ciascuna ricerca artistica nella sua unicità.

 


 

 

 

Ecco l'intervista della curatrice Ivana Mulatero alla trasmissione radiofonica Il posto delle Parole su radio TSR

Da La Rebubblica del 22 agosto 2019

 

^

Associazione Espaci Occitan, Via Val Maira 19 - 12025 Dronero - C.F/P.IVA  02701920049

© 2017 - 2020 | Realizzato da www.informaticavision.it | Privacy policy | Accesso riservato | HTML5 & CSS3
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini statistici, pubblicitari e operativi, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all’ uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy. Per saperne di più e per impostare le tue preferenze vai alla sezione: Privacy Policy

×