Vai direttamente ai contenuti della pagina
icona facebook social icona instagram Museo Mallè

La Casa Museo Enrico Colombotto Rosso a Camino Monferrato - Gaetano Giacomelli

 

Giornata di Studi | 6 giugno 2015 | Sala Milli Chegai | Teatro Iris – Dronero

 

Il Museo Mallé in ricordo di Milli Chegai
Case Museo in Piemonte

 

LA CASA MUSEO ENRICO COLOMBOTTO ROSSO A CAMINO MONFERRATO
Gaetano Giacomelli

 

 

La Fondazione Colombotto Rosso, voluta dall’artista Enrico Colombotto Rosso (Torino, 1925 – 2013), è stata istituita in data 13 marzo 1997 e ha ottenuto il riconoscimento giuridico dalla Regione Piemonte in data 2 giugno 1997. A seguito della scomparsa del fondatore, avvenuta in data 16 aprile 2013, la Fondazione ha nominato presidente il signor Gaetano Giacomelli che ha provveduto all’aggiornamento e all’ampliamento.
La Fondazione ai sensi dell’articolo 4 dello statuto non è a fini di lucro. La Fondazione ha lo scopo di favorire studi, ricerche, convegni, mostre e ogni altra iniziativa idonea a facilitare l’educazione artistica della collettività nonché di operare come punto di riferimento per gli amanti dell’arte, per la critica e per gli studenti.
Nel primo anniversario della scomparsa dell’artista fondatore la Fondazione Enrico Colombotto Rosso ha inaugurato la casa museo nella sede storica di via Serra 72 in Camino Monferrato, Alessandria. La Casa Museo è aperta al pubblico secondo un calendario consultabile sul sito www.fondazioneEnricoColombottoRosso.it ed è aperta ad ogni collaborazione culturale in Italia e all’estero.
Le case museo sono viventi? Non tutte, solo quelle che stabiliscono un rapporto alchemico con coloro che ci abitano, o che ci hanno abitato, un rapporto di emozioni che varia a secondo dell’umore delle persone.
La casa museo di Enrico Colombotto Rosso è un antica casa di campagna che si trova sulla colline del Basso Monferrato e non si distingue dall’esterno verso la strada se non da una testa di cavallo collocata sul grande portale verde.
Varcarne la soglia è come entrare in un posto magico, in un castello abitato da giganti. La casa è divisa in due parti: in un versante c’è l’abitazione e nell’altro lo studio dell’artista e la biblioteca. Nella casa-abitazione è come scendere in un labirinto, un’infilata di camere dentro ad altre camere, scale che salgono e scendono tutte a dislivello. Ogni camera ha un buon numero di dipinti e stampe tratti da libri antichi e non, fotografie, curiosità, ceramiche, scatole con marionette, specchi, marmi, manichini, lampade, oggetti di ogni genere che il maestro Enrico Colombotto Rosso aveva raccolto nel corso della sua vita tra un viaggio e l’ altro: San Francisco, New York, Parigi, Londra e in diverse città spagnole.
E’ la casa che rispecchia l’artista Colombotto Rosso. Tutti gli spazi della casa sono occupati come nella sua pittura: si parte dalla bellezza filiforme del liberty, con fiori e farfalle, e si scenda alla totale decadenza dell’essere umano come i soggetti raffigurati da Colombotto Rosso nei suoi quadri.
È una casa che ha un forte carattere, forse un cattivo carattere, anche se molto accogliente, aspra e gentile, amabile e tenebrosa. Naturalmente non può essere che la casa di un grande artista; l’ atelier non l’ abbiamo ancora aperto perché c’è una parte abitativa composta da 12 camere e una parte occupata dalla Fondazione e la biblioteca. Ci sono tantissimi libri che stiamo raccogliendo, molti sono gli spazi ancora da sistemare per fare diventare l’atelier un elemento importante. Ci sono 6/7000 libri, è un lavoro molto lungo ma spero si vada avanti.
Non ho portato fotografie ma solo questo libro che potete far circolare. La casa è piena di oggetti dell’artista che aiutano a capire la pittura di Colombotto Rosso. Lui negli anni cinquanta, oltre a dipingere, scriveva poesie, piccoli disegni a china, poi è stato coreografo e costumista. Alcuni suoi dipinti compaiono nell’appartemento della sentiva Helga Ullman nel famoso film “Profondo Rosso” del regista Dario Argento.
È una casa, quella di Enrico Colombotto Rosso, molto difficile da visitare perché possono entrare solo 6 persone alla volta, ma l’anno scorso, primo anno di visita, ci sono passate 900 persone.

 

^

Associazione Espaci Occitan, Via Val Maira 19 - 12025 Dronero - C.F/P.IVA  02701920049

© 2017 - 2019 | Realizzato da www.informaticavision.it | Privacy policy | Accesso riservato | HTML5 & CSS3
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini statistici, pubblicitari e operativi, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all’ uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy. Per saperne di più e per impostare le tue preferenze vai alla sezione: Privacy Policy

×